06.68891162
info@c-partners.it

IL BONUS PER COLF E BADANTI PREVISTO DAL DECRETO LIQUIDITA’

Il D.L. 34/2020 (Decreto Rilancio) ha previsto un’indennità specifica destinata ai lavoratori domestici, esclusi da ogni forma di ammortizzatore sociale.

Il 26 maggio l’INPS con il messaggio 2184 ha fornito le prime istruzioni in merito alla procedura di richiesta dell’indennità.

L’indennità che è pari a 500 euro mensili spetta ai lavoratori domestici per i mesi di aprile e maggio 2020. Vediamo a quali condizioni:

  • il rapporto di lavoro domestico deve risultare in essere alla data del 23 febbraio 2020;
  • la durata complessiva dell’orario di lavoro deve essere superiore alle 10 ore settimanali (limite che si può raggiungere anche con più rapporti di lavoro);
  • il lavoratore non deve essere convivente con il datore di lavoro;
  • il lavoratore non deve avere rapporti di lavoro a tempo indeterminato diversi da quelli di lavoro domestico, nè essere titolare di pensione;
  • l’indennità è esclusa dalla formazione del reddito ai sensi del D.P.R. 22/12/1986 n. 917;
  • se il lavoratore ha già richiesto e percepisce il reddito di emergenza, o un qualsiasi ammortizzatore sociale, o l’indennità per lavoratori autonomi, non ha titolo di richiedere lindennità per lavoratori domestici;
  • sono esclusi dall’indennità quei lavoratori che sono interessati dalla procedura di regolarizzazione prevista all’articolo 103 del medesimo Decreto Rilancio.

Per accedere alla prestazione il lavoratore deve, a partire dal 25 maggio 2020, presentare la domanda o in maniera autonoma, autenticandosi con le consuete procedure TELEMATICHE, o con la collaborazione dei servizi di Patronato.